Navigazione veloce

Quando il fare del docente si traduce dal sapere al saper fare

Il laboratorio come atteggiamento mentale si trasforma in didattica attiva e innovativa

Quando il fare del docente si traduce dal sapere al saper fare

- Il laboratorio come atteggiamento mentale si trasforma in didattica attiva e innovativa -

I nostri piccoli allievi della Scuola dell’Infanzia Montessori Plesso Autonomia della sezione Verde Bosco al lavoro, guidati dall’insegnante Rosalba Corrente, per giocare, apprendere, imparare, alimentando creatività e maturando competenze civiche e sociali.

Di seguito ammirerete le sequenze fotografiche e didascaliche dei lavori svolti.

L’addetto stampa Elisabetta Forti.

Il libro de “La Cicala e le Formiche”

Il libro della storia “La Cicala e le formiche” realizzato prendendo spunto dalla tecnica dell’illustratore di libri per bambini, Fuad Aziz. Attraverso la tecnica del cooperative Learning Jigsaw puzzle, i bambini suddivisi in piccoli gruppi hanno ricevuto una consegna (disegnare il cielo, o gli insetti o gli alberi ecc.) Da ogni disegno è stato preso solo una parte che è servita a ricostruire le sequenze della storia, ognuno creata con i disegni di diversi bambini, in modo che tutti potessero partecipare secondo le proprie possibilità. Sono state inoltre realizzate le didascalie della storia attraverso l’uso di immagini che sostituiscono le parole corrispondenti in modo che i bambini possano avere la possibilità di leggere il libro nonostante ancora non sappiano leggere. Alla fine del libro è stata aggiunta una legenda che spiega a quale parola corrisponde l’immagine che la sostituisce.

FINALITÀ DELL’ ATTIVITÀ: stimolare il linguaggio e la comunicazione e inoltre la letto-scrittura.

Foto 1 La Cicala e le Formiche“La Cicala e le Formiche”

Foto 2

Durante l’estate una cicala suonava, c’erano invece le formiche che raccoglievano le provviste.

Foto 3

Arriva l’autunno e la cicala continua a suonare. Una formica cade perché è senza occhiali e la cicala la porta volando nella sua tana.

Foto 4

Arriva l’inverno, la cicala ha fame e freddo e va a bussare a casa delle formiche, le formiche raccontano alla regina che la cicala ha aiutato la formica con gli occhiali.

Foto 5

La regina dice alle formiche di fare una casa per la cicala e di darle del cibo. Arriva la primavera e la cicala ringrazia le formiche che l’hanno aiutata a trascorrere l’inverno, da ora in poi anche lei raccoglierà le provviste.

Foto 6

I bambini della sezione Verde Bosco

Foto 7

legenda che spiega a quale parola corrisponde l’immagine che la sostituisce.

Foto 8

Lettura del libro della Cicala e della Formica.

“Televisionando”

Costruzione del televisore per vedere la storia “La Cicala e le formiche”. Attraverso il metodo della didattica laboratoriale i bambini hanno colorato la scatola che funge da televisore e le immagini che scorrono al suo interno.

FINALITÀ DELL’ATTIVITÀ: stimolare l’interazione sociale, il linguaggio, i concetti topologici di prima-dopo, la progressione temporale e la motricità.

Foto 1costruzione del Televisore work in progress

Foto 2

 Siamo in estate, il sole splende nel cielo e gli alberi sono pieni di frutta …

Foto 3Mentre la formica lavora sotto il sole caldo e raccoglie le provviste per l’inverno…

Foto 4La cicala suona, si diverte e non lavora.

Foto 5Arriva l’autunno, le foglie cadono dagli alberi e cambiano colore e il tempo è variabile …

Foto 6E la Cicala continua a non far niente …

Foto 7Arriva l’inverno e gli alberi sono spogli, cade la neve e il sole si è nascosto …

Foto 8La cicala è triste perché ha freddo e fame e va a bussare a casa delle formiche …

Foto 9La formica aiuta la Cicala e le dà del cibo.

Foto 10La Cicala allora è felice perché le formiche l’hanno aiutata e da ora in poi anche lei raccoglierà le provviste.

Foto 12Stimolare la motricità fine, svitando il tappo che funge da tasto della TV.


Foto 13S
timolare la motricità fine, avvitare il tappo che funge da tasto della TV.

Foto 11

Visione della storia “La Cicala e le Formiche”

Allegati

    Non è possibile inserire commenti.