Navigazione veloce

Un poster per la pace: la pace e i suoi servizi

Il Lions club International ha bandito anche per quest’anno il concorso: “Un poster per la pace”

Un poster per la pace: la pace e i suoi servizi

Il Lions club International ha bandito anche per quest’anno il concorso: “Un poster per la pace”: è ormai una tradizione consolidata per la scuola secondaria di primo grado della Montessori partecipare con elaborati realizzati dagli studenti, preparati e guidati dal loro insegnante di arte ed immagine, professore Salvatore Santoddì. Il concorso ha avuto come focus la pace e i suoi servizi, argomento attuale, data la pandemia in corso, che è diventato occasione per far riflettere i discenti con un linguaggio altro, che è quello dell’arte, sulla valenza della solidarietà, dello spirito collettivo e della salvaguardia della salute pubblica per esprimere la cultura della pace, attraverso i servizi. Gli allievi, anche questa volta, hanno aderito all’iniziativa con entusiasmo, cercando di esprimere attraverso disegni e dipinti, forme e colori, la loro essenza e il loro modo di vedere il valore democratico della pace. Al concorso sono stati invitati tutti gli istituti comprensivi di Caltagirone, che partecipano ognuno con un elaborato; nella nostra scuola è stato difficile scegliere le opere più belle, perché il referente al progetto ha ravvisato una produzione di altissima qualità. L’opera in concorso, che verrà valutata prima a livello distrettuale, potrà se risulta vincitrice, concorrere a livello nazionale ed internazionale. Dopo una faticosa selezione interna, l’apposita commissione, operando secondo i criteri di originalità, merito artistico ed espressività, ha scelto l’elaborato realizzato dall’alunna Michelle Marino di terza B. Sia il dottore Enzo Nicoletti, che la dott.ssa Ornella Amato, presidente del Lions di Caltagirone, riconoscendo la validità degli elaborati svolti dalla scuola Montessori in questi anni, sono propensi ad organizzare, cessata l’emergenza sanitaria, una mostra dei lavori per dare visibilità a quelle opere, che pur esprimendo qualità artistico espressiva, non hanno potuto concorrere, in ottemperanza ai criteri stabiliti dal bando. Abbiamo aderito all’iniziativa concorsuale perché il progetto rientra tra le finalità educative del nostro istituto: promuovere un messaggio di pace ai più giovani, per contrastare ogni forma di violenza e formarli agli ideali di filantropia e humanitas.

La voce della Montessori: Elisabetta Forti

Non è possibile inserire commenti.